Dopo un cammino durato quasi tre anni e intensificatosi nell’ultimo periodo, catechiste, catechisti e animatori hanno accompagnato 88 tra ragazze e ragazzi della nostra Comunità a ricevere il Sacramento della Cresima.
Il rito è stato officiato Domenica 12 marzo in Duomo da mons. Domenico Pompili, vescovo di Rieti, diocesi martoriata dal terremoto dei mesi scorsi. A lui sono state consegnate le offerte delle famiglie dei cresimati e dei fedeli presenti alla celebrazione, per dare un piccolo contributo a queste popolazioni tanto provate.

 

Dopo la lettura del brano del Vangelo della Domenica, che riportava l’episodio della trasfigurazione, Mons. Pompili ha sottolineato come ci sono situazioni e momenti nella vita, anche di chi è molto giovane, in cui è difficile avere speranza. La parola di Dio proclamata nella celebrazione ci invita a guardare oltre, a fidarci di un Dio che ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita (2ª lettura), del Figlio di Dio che si avvicina a noi, “tocca” la nostra vita e ci dice “alzatevi e non temete” (Vangelo).

Rivolgendosi ai giovani cresimandi mons. Pompili ha ricordato come lo Spirito Santo, confermato con il sacramento della Cresima, quando trova un cuore aperto alla grazia di Dio, guida e sostiene nel cammino cristiano, nella testimonianza in ogni contesto, nella carità concreta, nelle difficoltà della vita, donandoci coraggio quando la paur
a rischia di bloccarci.

 

Il vescovo, al termine dell’omelia, ha citato un noto aforisma adattandolo al contesto: “La paura bussa alla porta, la fede va ad aprire e non trova nessuno. Che lo Spirito Santo ci aiuti”.
A noi il compito di fare nostro questo invito nella quotidianità, cercando di aprire il cuore allo Spirito Santo, nostra bussola, senza aver paura di metterci in gioco.

 

Una ulteriore nota di festa è stata data dalla presenza dei quadri della Via Crucis, finalmente ritornati nel loro posto originario dopo il magnifico restauro.
Il sole ha illuminato questa grande festa, ricca di emozioni per i protagonisti, le loro famiglie e anche per tutti noi che siamo chiamati a rinnovare la nostra Fede.